Artpx, il fotografo di foto

Nessuna fotografia è stata maltrattata durante la stesura di questo articolo.

Oggi scopriamo un artista, un fotografo, che ha aperto il suo sito nel 2009. Parlare di arte è il lavoro di Cripticart, e siamo ancora più lieti di parlarne quando vengono inventati nuovi generi artistici come oggi: l’iperrealismo fotografico.

Conosciamo questo artista con il suo pseudonimo, Artpx, ma non conosciamo la sua vera identità. Esattamente come la scrittrice Elena Ferrante, anche Artpx gradisce mantenere l’anonimato. Appassionato di fotografia si costruì anni fa una casa oscura, cioè una camera oscura grande come tutta la casa. Chiuse le finestre, le tapparelle e tutto ciò che poteva rovinare l’oscurità necessaria a sviluppare le sue amate fotografie. Restò chiuso per mesi a stampare foto, non uscendo neanche per procurarsi cibo. Poi, finito di stampare i negativi che aveva a disposizione, decise finalmente di uscire all’aria aperta per scattare nuove fotografie. Quale delusione quando scoprì che una nuova palazzina costruita radente alla sua casa gli impediva l’uscita! I nuovi fabbricati avevano inglobato completamente la sua abitazione rendendolo prigioniero della sua stessa camera oscura. Non si perse d’animo e preso in mano il suo computer decise di chiedere aiuto via internet. Andando sul suo sito Artpx.com si accorse che decine di fotografi gli avevano inviato moltissime fotografie magnifiche.

Lui è un discreto fotografo ma li c’erano fotografie di tutti i tipi, già pronte! Paesaggi, donne splendide vestite e nude, animali. “A che serve uscire se ho già delle foto che non riuscirei a scattare neanche in una vita intera?” E gli venne una grande idea. Volle diventare il primo fotografo di foto. Si, volle stampare una delle tante foto che la gente aveva messo a sua disposizione e scattarne una nuova fotografia, identica alla precedente. Amante del realismo, infatti, non voleva modificare in nessun modo la foto originale.

Alle persone che gli chiedono: “Ma non fai prima a stampare direttamente le foto che ricevi?” Lui risponde: “No, questo sarebbe copiare. Io sono un fotografo e devo fotografarle. Le mie sono foto originali.”

Da allora è li, felice nel suo bunker, che si guadagna da vivere fornendo servizio di stampa delle foto presenti sul suo sito, e vendita delle foto originali.

“Vedendo le sue foto delle foto, non si nota nessuna differenza rispetto all’originale” afferma Giorgio Mangiapani, filosofo, “Artpx ha inventato una nuova arte, che si potrebbe chiamare iper foto realismo, o iperrealismo fotografico”.

Il potere dell’arte è di aprire nuove porte alla nostra visione della vita, aiutandoci a capire noi stessi e le nostre capacità. Mentre riproducevamo questi  screenshot necessari alla stesura dell’articolo, ad esempio, ci siamo sentiti artisti anche noi! E’ quindi con entusiasmo che auguriamo ad Artpx di continuare il suo lavoro, che con i suoi scatti interpreta e diffonde le opere di tanti fotografi, mostrando a tutti le bellezze di questo pianeta.

Grazie Artpx.

FacebookTwitterPinterestGoogle +Stumbleupon